DETRAZIONI FISCALI. CLASSE ENERGETICA A-B - Ci sono ancora le detrazioni per chi compra una casa in Classe energetica A o B?

DETRAZIONI FISCALI. CLASSE ENERGETICA A-B - Ci sono ancora le detrazioni per chi compra una casa in Classe energetica A o B?

Con l'art. 9, comma 9 octies, del d.l. n. 244 del 2016 (c.d. decreto milleproroghe), introdotto dalla l. n. 19 del 2017, il termine - originariamente fissato al 31 dicembre 2016 dalla scorsa legge di stabilità  - per effettuare l'acquisto da impresa costruttrice di immobili residenziali (di classe energetica A o B), ed usufruire della detrazione dall'IRPEF lorda del 50% dell'importo dell'I.V.A. pagata al costruttore, è stato prorogato al 31 dicembre 2017.   [...]

Continua a leggere

LA CORTE DI CASSAZIONE CON L'ORDINANZA DEL 27 GENNAIO 2016, N. 1588, SEZ. VI - CIVILE DECIDE IN MERITO AI DIRITTI DI USO ED ABITAZIONE DEL CONIUGE SUPERSTITE ED AL CONCETTO DI POSSESSO DI BENI EREDITARI

LA CORTE DI CASSAZIONE CON L'ORDINANZA DEL 27 GENNAIO 2016, N. 1588, SEZ. VI - CIVILE DECIDE IN MERITO AI DIRITTI DI USO ED ABITAZIONE DEL CONIUGE SUPERSTITE ED AL CONCETTO DI POSSESSO DI BENI EREDITARI

  La Suprema Corte di Cassazione ha statuito che la permanenza nella casa familiare da parte del coniuge superstite, destinatario del legato ex lege dei diritti di uso e di abitazione della casa familiare di cui all'art. 540, comma 2, cod. civ., non realizza una ipotesi di possesso dei beni ereditari utile ai fini dell'acquisto senza accettazione dell'eredità secondo il meccanismo previsto dall'art. 485 cod. civ.. Il coniuge superstite, in questo caso, non potrà essere considerato erede puro e [...]

Continua a leggere

DECADENZA AGEVOLAZIONI PRIMA CASA - RIACQUISTO TERRENO  O COSTRUZIONE SUL TERRENO - Se vendo la mia prima casa entro 5 anni dall'acquisto, posso rimanere con le agevolazioni se non ricompro ma costruisco una nuova casa su un mio terreno?

  L'Agenzia delle Entrate con la RISOLUZIONE n. 13/E del 26 gennaio 2017 si è pronunciata in merito alla permanenza dell’agevolazione “prima casa”, nel caso di vendita infraquinquennale e costruzione entro un anno di un immobile da adibire ad abitazione principale. Il Testo Unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro, in tema di agevolazione c.d. “prima casa” prevede che in caso di trasferimento degli immobil [...]

Continua a leggere

PRIMA CASA E COMUNIONE LEGALE

In caso di acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale dei beni, si è sino ad oggi ritenuto che tutti i relativi oneri, tra cui il cambio di residenza nei 18 mesi, fossero da rispettare da parte di entrambi i coniugi. La Corte di Cassazione con sentenza 25888/16 ha stabilito che il requisito della residenza, ai fini dell’ottenimento dei benefici prima casa, vada riferito alla famiglia. Per la Corte, dunque, non rileva che uno dei due coniugi abbia una residenza diversa, p [...]

Continua a leggere

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA - CASI PARTICOLARI

Secondo l'attuale normativa fiscale, per poter sfruttare le agevolazioni prima casa, l'immobile deve trovarsi nel Comune ove l'acquirente "svolge la propria attività lavorativa". A differenza della precedente normativa, non è sufficiente che l'attività lavorativa sia svolta prevalentemente. Sul punto Cassazione del 30 giugno 2016, 13416. E' soddisfatto l'onere di legge ove il contribuente, entro un anno dalla vendita della propria prima casa - acquistata da meno di cinque a [...]

Continua a leggere

Una casa senza agibilità può essere venduta?

Assolutamente sì. Sul punto c’è molta disinformazione. L’agibilità – una volta definita abitabilità – viene riconosciuta dal Comune e, in base alla normativa vigente, ha la funzione di certificare la «sussistenza delle condizioni di sicurezza, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi istallati» (art. 24, 1° comma, D.P.R. 380/2001). Si tratta di un documento che non riveste una funzione urbanistica d'interesse generale, [...]

Continua a leggere

Le cosiddette agevolazioni prima casa

Al momento dell’acquisto di un immobile ad uso abitativo, e sue pertinenze (ad es.: cantine, soffitte, box auto, terreni da adibire a giardino od orto), qualsiasi acquirente persona fisica, cittadino italiano o straniero, può usufruire di determinate agevolazioni fiscali. Dette agevolazioni consistono in un minor importo delle imposte dovute allo Stato; imposte che si differenziano a seconda che si compri da un privato o da una impresa costruttrice. Nel primo caso, l’imposta dovuta è quella di Registro ne [...]

Continua a leggere

Si può impedire ad un genitore divorziato con figli, di donare casa sua alla nuova convivente, facendo valere in via anticipata la legittima?

No. L’attuale normativa non prevede questa possibilità. Qualora il donante venga a mancare, e non siano ancora decorsi i termini di legge, i figli potranno, eventualmente, impugnare la donazione per lesione della legittima (sempre che ci sia lesione secondo i termini di legge). Il concetto di legittima, in altri termini, non viaggia separatamente da quello di successione che, per definizione, si apre al momento del decesso della persona del cui patrimonio si tratta. [...]

Continua a leggere

Chi acquista casa come prima abitazione di quali agevolazioni può godere?

Acquistare una prima casa permette di pagare le imposte ridotte, ma bisogna distinguere. Se si compra da un privato, io o lei, la tassa di riferimento è l’imposta di registro ed è pari al 2% (seconda casa è 9%) sul valore catastale. Il valore catastale NON è il prezzo e si ottiene moltiplicando per 115,5 la RENDITA CATASTALE dell’immobile. In caso di compravendita tra privati, pertanto, INDIPNDENTEMENTE dal prezzo dichiarato in atto, le tasse (imp [...]

Continua a leggere

Quali sono i requisiti base per poter usufruire delle agevolazioni prima casa?

Devono ricorrere dei requisiti relativi all’immobile: non deve essere casa di lusso. Devono ricorrere requisiti soggettivi: 1 - chi compra deve essere residente nel Comune dove si trova l’immobile, oppure prendere la residenza nel Comune entro diciotto mesi dall’atto. NOTA BENE: la residenza nel COMUNE è sufficiente per il primo acquisto in assoluto; in caso di ri-acquisto prima casa (vendo la mia prima casa e ne compri un’altra, perché [...]

Continua a leggere

Si può rivendere la prima casa?

Sempre. Però attenzione: se viene venduta prima dei 5 anni dall’acquisto, per non decadere dalle agevolazioni e pagare come seconda casa (9% di registro o 10% di IVA a seconda dei casi), entro un anno dalla vendita si deve comprare un’altra prima casa. Si può, in alternativa, riceverla in donazione. Sul punto si è espressa favorevolmente l'Agenzia delle Entrate. Nota Bene: in caso di ri-acquisto della prima casa, sarà non più sufficiente avere la residenza nel Comune ove si tro [...]

Continua a leggere

Coloro che vogliono unire delle unità immobiliari diverse presenti, ad esempio, su uno stesso piano di uno stabile, al fine di poter usufruire delle agevolazioni prima casa, come devono comportarsi?

Possono usufruire delle agevolazioni impegnandosi, in atto, a fondere le due unità abitative catastalmente. Il discorso vale anche per chi è già proprietario di un alloggio e vuole comprare quello a fianco. Oltre l’impegno in atto, però, chi compra dovrà effettivamente fondere, poiché i controlli vengono fatti e le sanzioni vengono applicate se non si procedere. Come tempistiche, non vi è una regola precisa; il tempo massimo è di diciotto mesi a [...]

Continua a leggere

Gli italiani residenti all’estero che vogliono acquistare una casa in Italia, usufruiscono di qualche agevolazione particolare?

Costoro, se iscritti all’A.I.R.E. (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero), non devono avere o prendere la residenza nei 18 mesi. Devono, però, essere rispettati tutti gli altri requisiti. Questa regola, inoltre, vale per il personale delle Forze armate e delle Forze di polizia: non è richiesta la condizione della residenza nel Comune. [...]

Continua a leggere

Vorrei scambiare il mio appartamento con quello di un amico. Come funziona la permuta della casa? A quale delle due parti tocca pagare le imposte?

Il contratto di permuta, altro non è che uno scambio di due beni. La fattispecie più frequente riguarda il trasferimento di beni immobili. Se le parti, nell'ambito delle loro valutazioni, hanno stabilito che i beni da permutare hanno lo stesso valore, non sarà necessario pagare alcun conguaglio. Al contrario, se i due beni sono stati valutati diversamente, chi acquista il bene di maggior valore dovrà [...]

Continua a leggere

Devo comprare una casa fatiscente. Pagherò le tasse sul prezzo o sul valore catastale?

La regola era ed è che si pagano le tasse sul prezzo dichiarato. C’è, però, un’importante eccezione: in caso di compravendita tra privati, avente ad oggetto immobili abitativi (da A2 ad A7) e/o loro pertinenze (box, tettoie, cantine, soffitte, depositi e via dicendo), è possibile che, se richiesto dall’acquirente, le tasse si paghino sul valore catastale, indipendentemente dal prezzo. Questa è la c.d. disciplina del “prezzo-valore” in essere dal 2006. Se, pertanto, u [...]

Continua a leggere

Notariato latino e anglosassone. Sistemi a confronto.

Il notariato non è affatto un fenomeno solo italiano, come molti pensano; è diffusissimo in Europa e nel mondo. Oltre il 60% della popolazione mondiale è servita dai servizi notarili di tipo latino. Da molte parti si sente affermare, descrivendo come obsoleta la funzione del Notaio, che in Inghilterra o negli Stati Uniti (non è presente la figura notarile latina) si può anche comprare la casa da soli, con un fax, e si viene g [...]

Continua a leggere

Se compro un terreno edificabile e decido di costruirci sopra una casa che tassazione viene applicata?

Se ci sono i requisiti per l’ottenimento delle agevolazioni prima casa, il contribuente paga all’impresa edile che costruisce l’immobile l’IVA ridotta al 4 per cento. Riguardo all’acquisto del terreno esso sconterà l’ordinaria imposta di registro del 9 per cento sul prezzo. In buona sostanza l’appalto prima casa viene tassato come l’acquisto prima casa.     [...]

Continua a leggere

Sono divorziato, la casa, di proprietà, è stata assegnata alla mia ex moglie. A che regime fiscale è sottoposta l’abitazione? Ci sono delle agevolazioni?

Se il trasferimento della casa familiare, o di una quota di essa, viene fatto in adempimento (ovvero al posto) dell’obbligo di mantenimento, in fase di separazione o divorzio, c’è la completa esenzione dalle imposte di registro, ipotecarie, catastali e di bollo. Attenzione: se però, anche negli ambiti sopra descritti, viene corrisposto un prezzo, il trasferimento viene tassato come ordinaria compravendita, senza alcuna esenzione. [...]

Continua a leggere

Godo del diritto di nuda proprietà di un appartamento ma sono intenzionato ad acquistarne un altro, destinandolo ad abitazione principale.
Quale tassazione mi verrà applicata?

Se la nuda proprietà è stata acquistata con agevolazioni prima casa, la compravendita sconterà le imposte seconda casa. Al contrario, se la nuda proprietà è stata acquistata senza agevolazioni, o con agevolazioni ma per successione, la compravendita potrà godere delle agevolazioni prima casa, anche se gli immobili si trovassero nello stesso comune. [...]

Continua a leggere

Posso intestare la casa a mio figlio anche se è ancora minorenne?

La risposta è positiva; bisognerà però ottenere debita autorizzazione dall’Autorità giudiziaria (in questo caso il Giudice Tutelare), ben evidenziando il tipo di contratto da stipulare e l’utilità per il patrimonio del minore. A presentare il ricorso dovrà essere l’altro genitore, stante un potenziale conflitto di interessi.   [...]

Continua a leggere

Ho letto che la legge di Stabilità ha introdotto la possibilità di acquistare, tramite leasing le abitazioni. Come funziona?

Da oggi si può acquistare un’abitazione a mezzo di leasing (locazione finanziaria). Il tutto si struttura attraverso tre passaggi: 1) la società di leasing compera la casa dal venditore 2) l’acquirente e la società di leasing concludono il contratto di leasing con cui l’acquirente (nel leasing chiamato anche utilizzatore), a fronte della possibilità di vivere nell’abitazione, versa alla [...]

Continua a leggere

In materia di casa la legge di Stabilità ha introdotto delle novità?

Si tratta soprattutto di novità di carattere fiscale. Quelle più interessanti riguardano, oltre al leasing abitativo: 1) la possibilità di acquistare una prima casa, avendone già una, con l’onere di vendere quest’ultima entro un anno dall’acquisto della nuova casa 2) il diritto detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 50% di IVA pagata in sede di acquisto di casa classificata in classe energetica A [...]

Continua a leggere

Molti si lamentano dei costi del notaio, ma nella parcella quanto incidono le imposte e le tasse riscosse per conto dello Stato?

In media si può parlare di un 70%, ma molto varia da atto ad atto. Si faccia l’esempio di una compravendita tra privati, in cui chi acquista può usufruire delle agevolazioni prima casa, per un prezzo di euro 150.000,00, di un immobile che abbia un valore catastale di euro 75.000,00. Su queste basi, il costo di un atto di compravendita potrebbe ammontare a circa euro 5.360,00, di cui euro 3.360,00 consistono in null’altro che imposta [...]

Continua a leggere

Notaio pubblico ufficiale e professionista.

Spesso si dimentica che il Notaio è un pubblico ufficiale e questo ruolo comporta grandi doveri e responsabilità. Il Notaio grazie alla sua figura garantisce la correttezza e la sicurezza delle transazioni commerciali. Dall'acquisto di una casa, alla costituzione di una società. Spesso si dice scherzando che la firma del Notaio costa molto; in realtà ha molto valore. Il Notaio è imparziale: non è di una parte o dell’altra, è di tu [...]

Continua a leggere

Quanto incide la parte di imposte e tasse che il notaio riscuote per lo Stato?

Molto. Non è possibile fare un conteggio od una percentuale sommaria. Quello che é sicuro é che il vero guadagno del Notaio, l'utile che percepisce, corrisponde ad un importo molto inferiore rispetto a quello che riceve dalle parti al momento dell'atto. Sul punto un esempio: si faccia il caso di una compravendita tra privati, in cui chi acquista può usufruire delle agevolazioni prima casa, per un prezzo di euro 150.000,00, di un immobile che abbia un valor [...]

Continua a leggere

Il Notaio che tipo di servizi offre in generale per il cittadino privato e per le aziende?

Ai clienti il Notaio ha il dovere di offrire soluzioni sicure e concrete, in tempi brevi, e con costi certi. Il Notaio svolge un’attività complessa che non si riduce alla sola stipula di un atto. Questa può rappresentare, in un’ipotetica valutazione percentuale, il 10-15% di tutto il lavoro che viene compiuto prima e dopo la lettura e sottoscrizione dell’atto. È come un iceberg: se ne vede solo la punta. Il Notaio offre la propria forte preparazione per consentire alle [...]

Continua a leggere

Notaio garante della sicurezza dei trasferimenti immobiliari.

Motivo di fregio importante per tutto lo Stato se ci paragoniamo alla situazione estera americana. Il notariato italiano è considerato uno dei migliori a livello internazionale, tant’è che non sono infrequenti le richieste di confronto da parte di colleghi di altri Stati. Ultime in ordine di tempo, ma non certo d’importanza, sono state le visite ricevute dalle delegazioni dei notai Cinesi e Russi. Questo dimostra, inoltre, che il notariato non è affatto un fenomeno solo italian [...]

Continua a leggere

Nella compravendita immobiliare il notaio quali tutele offre a chi vende, compra e concede il mutuo (le banche)?

Il Notaio svolge una funzione sociale di grande rilievo in momenti essenziali della vita del cittadino e delle imprese. Compito del notaio è anche quello di tutelare i più deboli, quelli che non sono in grado di pagarsi l'avvocato migliore, quelli che comperandosi la prima ed unica casa della vita non possono rischiare niente e vogliono che ci sia qualcuno che garantisca loro che la casa è realmente disponibile, non ha ipoteche; qualcuno, cioè, che dia certezze. Ciò non v [...]

Continua a leggere

Quali sono le attuali aliquote delle imposte ipotecarie e catastali?

Le imposte ipotecarie e catastali sono pari al 2% e all’1% del valore degli immobili, con un versamento minimo di 200 euro per ciascuna imposta. Queste sono dovute in 200 euro per ciascuna imposta, indipendentemente dal valore dell’immobile, quando il beneficiario ha i requisiti necessari per fruire delle agevolazioni “prima casa”. In questo caso è necessario attestare nella dichiarazione di successio [...]

Continua a leggere

Agevolazioni prima casa in donazioni e successioni

Per chi eredita o riceve in donazione una prima casa, non c'è la preclusione ad acquistare una ulteriore prima casa con atto a titolo oneroso (compravendita, permuta). Devono ovviamente esserci tutti i requisiti necessari per un acquisto prima casa, ma il fatto di averne già ricevuta una in donazione o successione, non è di ostacolo. Sulla questione si è espressa l'Agenzia delle Entrate con la circolare 44/E del 2001. [...]

Continua a leggere

Vendita prima casa, credito d'imposta e plusvalenza

Cosa succede se si cede la prima casa entro i primi 5 anni dalla data dell'acquisto? È possibile che si perdano le agevolazioni; lo Stato chiederà al venditore di versare la differenza tra le imposte seconda casa del 9% (10% se IVA) e le imposte prima casa del 2% (4% se IVA) versate al momento dell'acquisto. Oltre a questa differenza, scattano gli interessi e, in caso di ritardo, le sanzioni di legge. Il calcolo, inso [...]

Continua a leggere

notaionaddeo@gmail.com
011.9975970
Via Roma, 2
10072 Caselle Torinese (TO)