HO INTENZIONE DI RINUNCIARE ALLA MIA QUOTA DI EREDITÀ. INTENDO LASCIARE L’INTERO ALLOGGIO DEI GENITORI A MIO FRATELLO. COME AVVIENE LA RINUNCIA? INOLTRE MIO FRATELLO HA DEI FIGLI, ATTUALMENTE MINORENNI, IN FUTURO POTREBBERO RIVALERSI, AVANZANDO DEI DIRITTI?

 

 HO INTENZIONE DI RINUNCIARE ALLA MIA QUOTA DI EREDITÀ. INTENDO LASCIARE L’INTERO ALLOGGIO DEI GENITORI A MIO FRATELLO. COME AVVIENE LA RINUNCIA? INOLTRE MIO FRATELLO HA DEI FIGLI, ATTUALMENTE MINORENNI, IN FUTURO POTREBBERO RIVALERSI, AVANZANDO DEI DIRITTI?

 

Per rinunciare ad un'eredità è sufficiente presentarsi di fronte al Cancelliere del Tribunale territorialmente competente (luogo di apertura della successione, ossia ultimo domicilio del defunto) o di fronte ad un Notaio. Per poter rinunciare ad un'eredità occorre che, chi intenda rinunciare non abbia disposto cioè venduto o donato nulla di appartenenza del defunto. Se il rinunciante, inoltre, ha dei figli, questi subentrano nell'eredità al posto suo a meno che anche loro non rinuncin [...]

Continua a leggere

ACCETTAZIONE CON BENEFICIO DI INVENTARIO

 

ACCETTAZIONE CON BENEFICIO DI INVENTARIO

 

Cassazione, sentenza 12 aprile 2017, n. 9514, sez. II civile - SUCCESSIONE IN GENERE - Beneficio di inventario (accettazione con) - Eredità devoluta ad incapaci o persone giuridiche - Nel caso di accettazione con beneficio d'inventario, liberamente scelta dalla persona fisica, il mancato assolvimento dell'onere di far luogo all'inventario nei termini e modi di legge produce l'effetto dell'accettazione pura e semplice; nel caso in cui l'accettazione con beneficio d'inventario costituisca l'uni [...]

Continua a leggere

BENEFICIO DI INVENTARIO E PERSONA GIURIDICA

Cassazione, sentenza 12 aprile 2017, n. 9514, sez. II civile - Eredità devoluta in favore di persona giuridica - Accettazione con beneficio di inventario - Necessità - Omessa redazione dell'inventario - L'accettazione dell'eredità ad opera di una persona giuridica (nella specie una ASL) non può che avvenire, giusta l'art. 473, comma 1, c.c., con beneficio d'inventario e, pertanto, il mancato perfezionamento del modulo legale, per omessa redazione dell’inventario nei termini e m [...]

Continua a leggere

LA CORTE DI CASSAZIONE CON LA SENTENZA DEL 15 DICEMBRE 2016, N. 25888, SEZ. II CIVILE, DECIDE SULLA DIVISIONE DEI BENI NON COMODAMENTE DIVISIBILI IN NATURA

In tema di divisione giudiziale ereditaria, la norma in virtù della quale ciascun coerede ha il diritto di conseguire in natura la parte dei beni a lui spettanti trova deroga, non solo nel caso di "non divisibilità" dei beni, ma anche in ogni ipotesi in cui gli stessi non siano "comodamente" divisibili e, cioè, allorché, pur risultando il frazionamento materialmente possibile sotto l'aspetto strutturale, non siano tuttavia realizzabili porzioni suscettibili di formare oggetto di [...]

Continua a leggere

EREDITA' E QUOTE TRA FRATELLI - È mancato mio zio, celibe e senza figli, ma con tre fratelli. Uno, mio padre, figlio della stessa madre di mio zio, oltre due sorelle - mie zie - figlie di madre diversa. Mio padre e le mie zie hanno gli stessi diritti?

No. Secondo quanto disposto dall'articolo 570 del Codice Civile, i fratelli unilaterali (che hanno in comune un solo genitore) ricevono la metà dei fratelli germani (che hanno in comune entrambi i genitori). Nel caso della domanda, suo papà riceverà il doppio delle zie, ossia un mezzo, mentre le zie riceveranno un quarto a testa. [...]

Continua a leggere

LA CASSAZIONE, CON LA SENTENZA 16 NOVEMBRE 2016, N. 23350, SEZ LAVORO, SI PRONUNCIA SULLE MODALITA' DI PAGAMENTO DEI DEBITO EREDITARI, DA PARTE DELL'EREDE CON BENEFICIO DI INVENTARIO

In tema di accettazione dell'eredità con beneficio di inventario, l'erede può procedere al pagamento individuale dei creditori ex art. 495 c.c. e conservare per sé la parte dell'attivo ereditario che dovesse residuare; in tal caso la responsabilità dell'erede è limitata al valore della stima dei beni effettuata in sede di inventario. [...]

Continua a leggere

In caso di separazione, il coniuge superstite a quello defunto mantiene gli stessi diritti e la stessa quota di eredità che aveva prima?

  Tutto dipende dal tipo di separazione: se consesuale oppure giudiziale senza addebito, i diritti e le quote saranno i medesimi. Se, al contrario, la separazione giudiziale è con addebito, il coniuge contro cui è stato pronunciato l’addebito non ha più alcun diritto. Ciò avviene anche in caso di divorzio. Alcune eccezioni riguardano la pensione di reversibilità (ma su questo argomento è i [...]

Continua a leggere

Sono coniugata con mio marito in comunione dei beni, se scegliamo la separazione dei beni, al suo decesso perderò i miei diritti ereditari?

Assolutamente no. Il regime patrimoniale di una coppia di coniugi non influisce in alcun modo sui diritti ereditari degli stessi. Ciò che conta è il rapporto di coniugio, il matrimonio. Anzi: i diritti ereditari permangono anche in caso di separazione legale tra coniugi. Cessano, invece, con il divorzio. Alcuni diritti ereditari ci sono anche in materia di unioni di fatto e convivenze civili. Di ques [...]

Continua a leggere

Alla morte di mio padre io e mio fratello erediteremo l’appartamento di sua proprietà. Mio fratello, però, è pieno di debiti. C’è il rischio che l’appartamento venga pignorato.
Come mi devo comportare?

Se l’eredità sarà accettata da entrambi, metà del patrimonio ereditario confluirà nel patrimonio di suo fratello e pertanto, sarà aggredibile dai suoi creditori. Al contrario, qualora suo fratello rinunciasse all’eredità, non ci sarebbero beni da aggredire; fermo restando che i creditori di suo fratello potrebbero impugnare la rinuncia poichè atto in frode ai creditori. La soluzione in questo caso, sarebbe operare una divisione o con testam [...]

Continua a leggere

A chi vanno i beni di uno zio celibe defunto, con sorella e nipoti (figli della sorella) in vita?

Se lo zio non ha fatto testamento, l’eredità si devolverà alla sorella, quale unica erede. Ai nipoti l’eredità sarà devoluta nel solo caso in cui la sorella (loro madre) non voglia (rinuncia) o non possa (pre-morienza) accettare. Qualora, invece, lo zio abbia fatto testamento a favore di altre persone, né alla sorella, né ai nipoti andrà nulla, poiché non sono eredi legittimari. [...]

Continua a leggere

notaionaddeo@gmail.com
011.9975970
Via Roma, 2
10072 Caselle Torinese (TO)