DONAZIONE DI USUFRUTTO

DONAZIONE DI USUFRUTTO

Quando si apre una successione, per calcolare il valore dell'eredità, si deve contare quanto era in proprietà del defunto il giorno della morte, sottrarre i debiti ed aggiungere quanto in vita donato dal defunto. Esempio: Tizio muore lasciando una casa di 400, un conto corrente con 300, e debiti per 200. Risultato: 500. Tizio però aveva donato 200 al figlio Caio. Il valore dell'eredità è 700.

Caio dovrà imputare alla propria quota i 200 ricevuti in donazione.

Cosa succede quando si dona una casa in nuda proprietà con riserva di usufrutto? Secondo la Corte di Cassazione (sentenza 14747 del 19 luglio 2016), per calcolare l'eredità, si deve tenere conto del valore della piena proprietà della casa e non della sola nuda proprietà.


 


COMMENTA IL POST

notaionaddeo@gmail.com
011.9975970
Via Roma, 2
10072 Caselle Torinese (TO)