PRIMA CASA E COMUNIONE LEGALE

PRIMA CASA E COMUNIONE LEGALE

In caso di acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale dei beni, si è sino ad oggi ritenuto che tutti i relativi oneri, tra cui il cambio di residenza nei 18 mesi, fossero da rispettare da parte di entrambi i coniugi.

La Corte di Cassazione con sentenza 25888/16 ha stabilito che il requisito della residenza, ai fini dell’ottenimento dei benefici prima casa, vada riferito alla famiglia.

Per la Corte, dunque, non rileva che uno dei due coniugi abbia una residenza diversa, poiché è importante che vi sia, non tanto una comune residenza anagrafica, bensì una effettiva coabitazione


 


COMMENTA IL POST

notaionaddeo@gmail.com
011.9975970
Via Roma, 2
10072 Caselle Torinese (TO)