ACQUISTO CASA DA SOGGETTO FALLITO: CONSEGUENZE - Ho comprato casa da un signore che è stato dichiarato fallito con la sua azienda cinque mesi dopo l'atto. Rischio qualcosa?

ACQUISTO CASA DA SOGGETTO FALLITO: CONSEGUENZE - Ho comprato casa da un signore che è stato dichiarato fallito con la sua azienda cinque mesi dopo l'atto. Rischio qualcosa?

Gli atti a titolo oneroso (come ad esempio la compravendita) compiuto nell'anno precedente alla dichiarazione di fallimento possono essere revocati solo se il valore delle prestazioni eseguite dal fallito (in questo caso il valore della casa) sono superiori di un quarto rispetto al valore di quanto ricevuto dal fallito (in questo caso il prezzo).
Nella vicenda che riguarda la domanda, pertanto, la vendita sarà revocabile solo se il prezzo sia inferiore di oltre un quarto rispetto al valore della casa.
Ad esempio pagati 70.000 euro contro un valore minimo di mercato di 100.000 euro. Resta salva la possibilità del compratore di dimostrare che non sapeva delle difficoltà del venditore (prova ardua). Per tranquillità, in casi come questi, è sempre opportuno far eseguire perizia giurata sul valore dell'immobile.
La regola sopra descritta non vale se l'atto è fatto nei sei mesi prima della dichiarazione di fallimento e se il curatore dimostra che l'acquirente conosceva lo stato di insolvenza del venditore. Il legislatore, però, ha voluto azzerare completamente il rischio per chi acquista la prima casa. Oggi non è soggetta all'azione revocatoria la vendita al "giusto prezzo" di un immobile destinato a costituire l'abitazione principale dell'acquirente, o di suoi parenti e affini entro il terzo grado. La norma non precisa quando l'immobile si considera destinato a costituire l'abitazione principale, ma nel dubbio è senz'altro opportuno trasferire la residenza nel più breve tempo possibile. La cosa più importante è comunque il prezzo della vendita. La legge parla di "giusto prezzo", che corrisponde al valore di mercato. La perizia, pertanto, diventa uno strumento indispensabile.
(Articolo 67 Legge Fallimentare - OMISSIS - 3. Non sono soggetti all'azione revocatoria ... c) le vendite ed i preliminari di vendita trascritti ai sensi dell'articolo 2645-bis del codice civile, i cui effetti non siano cessati ai sensi del comma terzo della suddetta disposizione, conclusi a giusto prezzo ed aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo, destinati a costituire l'abitazione principale dell'acquirente o di suoi parenti e affini entro il terzo grado ovvero immobili ad uso non abitativo destinati a costituire la sede principale dell'attività d'impresa dell'acquirente, purché alla data di dichiarazione di fallimento tale attività sia effettivamente esercitata ovvero siano stati compiuti investimenti per darvi inizio ...).


 


COMMENTA IL POST

notaionaddeo@gmail.com
011.9975970
Via Roma, 2
10072 Caselle Torinese (TO)