LA CORTE DI CASSAZIONE CON L'ORDINANZA DEL 6 MARZO 2017, N. 5505, SEZ. VI - 2 CIVILE, DECIDE SULL'AUTOGRAFIA NEI TESTAMENTI OLOGRAFI E LA NECESSITA' CHE LA MANO DEL TESTATORE NON VENGA GUIDATA.

LA CORTE DI CASSAZIONE CON L'ORDINANZA DEL 6 MARZO 2017, N. 5505, SEZ. VI - 2 CIVILE, DECIDE SULL'AUTOGRAFIA NEI TESTAMENTI OLOGRAFI E LA NECESSITA' CHE LA MANO DEL TESTATORE NON VENGA GUIDATA.

In presenza di aiuto e di guida della mano del testatore da parte di una terza persona, per la redazione di un testamento olografo, tale intervento del terzo, di per sé, esclude il requisito dell'autografia di tale testamento; in questo caso il testamento è invalido e a nulla rileva l'eventuale corrispondenza del contenuto alla volontà del testatore.


 


 


COMMENTA IL POST

notaionaddeo@gmail.com
011.9975970
Via Roma, 2
10072 Caselle Torinese (TO)