HO INTENZIONE DI RINUNCIARE ALLA MIA QUOTA DI EREDITÀ. INTENDO LASCIARE L’INTERO ALLOGGIO DEI GENITORI A MIO FRATELLO. COME AVVIENE LA RINUNCIA? INOLTRE MIO FRATELLO HA DEI FIGLI, ATTUALMENTE MINORENNI, IN FUTURO POTREBBERO RIVALERSI, AVANZANDO DEI DIRITTI?

 

 HO INTENZIONE DI RINUNCIARE ALLA MIA QUOTA DI EREDITÀ. INTENDO LASCIARE L’INTERO ALLOGGIO DEI GENITORI A MIO FRATELLO. COME AVVIENE LA RINUNCIA? INOLTRE MIO FRATELLO HA DEI FIGLI, ATTUALMENTE MINORENNI, IN FUTURO POTREBBERO RIVALERSI, AVANZANDO DEI DIRITTI?

 

Per rinunciare ad un'eredità è sufficiente presentarsi di fronte al Cancelliere del Tribunale territorialmente competente (luogo di apertura della successione, ossia ultimo domicilio del defunto) o di fronte ad un Notaio. Per poter rinunciare ad un'eredità occorre che, chi intenda rinunciare non abbia disposto cioè venduto o donato nulla di appartenenza del defunto. Se il rinunciante, inoltre, ha dei figli, questi subentrano nell'eredità al posto suo a meno che anche loro non rinuncino a loro volta. Se i figli sono minorenni, dovrà essere chiesta debita autorizzazione al Giudice Tutelare. Nel caso prospettato, il fatto che il fratello del rinunciante abbia dei figli, è ininfluente. Un dato è importante: la rinuncia all'eredità è su tutto. Non si può fare solo su una parte. Se, nel caso del lettore, la necessità è di rinunciare solo alla quota della casa, bisognerà, allora, fare un altro atto che consiste nella rinuncia al diritto di comproprietà.

 


 


COMMENTA IL POST

notaionaddeo@gmail.com
011.9975970
Via Roma, 2
10072 Caselle Torinese (TO)